.
Annunci online

penelope1951
Volete conoscere i miei gusti musicali? ... ACCENDETE LE CASSE!
sentimenti
19 agosto 2010
IO
Ci sono momenti in cui ci si chiede:sto sognando? e allora la realtà si percepisce come staccata da sè, si affrontano eventi che arrivano tra capo e collo pensando che tutto andrà bene, con ottimismo, perchè se anche per un attimo si temesse che non adrà come ci si augura ti sentiresti perduto. DEVE ANDARE TUTTO BENE!! 



permalink | inviato da penelope1951 il 19/8/2010 alle 12:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sentimenti
7 giugno 2010
Comunioni
 Proprio ieri sono stata invitata ad una prima comunione, anzi due, infatti erano due cuginetti che la facevano insieme, così come sempre insieme stanno nella vita. Si vogliono bene come fratello e sorella perché, figli di sue sorelle inseparabili, hanno condiviso e imparato anche loro il senso della famiglia. Sembrerà un discorso un po’ contorto quello che segue, ma sto cercando di spiegare un mio sentimento nei confronti delle loro mamme, che sono poi le mie nipoti. Vi sto confondendo?

Dunque: le loro mamme sono figlie di mia cognata (sorella di mio marito), tanti anni fa (ma sembra ieri) abbiamo festeggiato i loro battesimi, prime comunioni, giocavano con i miei figli. Vedere tutti loro grandi mi dà, sì,la percezione di come voli il tempo, ma la stranezza in me sta nel fatto che nonostante qualche acciacchetto … ho solo l’impressione di essermi fermata e loro mi stiano raggiungendo! Magari!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prime comunioni- ricordi

permalink | inviato da penelope1951 il 7/6/2010 alle 16:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sentimenti
14 maggio 2010
Vita
Quando accuso dei duri colpi provo come un forte senso d’irrealtà. Rimango incredula. Aspetto gli eventi, mi alimento di speranze e con esse li affronto. Poi cominciano le domande, soprattutto rivolte a capire ciò che veramente è importante nella vita … e sono davvero tante!



permalink | inviato da penelope1951 il 14/5/2010 alle 21:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
SOCIETA'
5 dicembre 2009
Tolleranza
Alle elementari avevo una maestra religiosissima, alle medie e alle superiori ho frequentato un istituto di suore … eppure non vado mai a messa, da anni non faccio la comunione, non faccio parte di nessuna congregazione. Tuttavia sono convinta che i principi morali che mi accompagnano sono dettati dalla frequentazione costante con persone che nel cuore avevano Dio, il rispetto dei comandamenti e quindi il rispetto per il prossimo.

Oggi, per motivi e campi diversi non si parla d’altro che di comprensione e tolleranza e io condivido in pieno che si accettino i punti di vista degli altri, le altre religioni ed anche la costruzione dei discussi minareti. MA…….. proprio per il rispetto che porto agli altri trovo offensivo che intanto si vogliano privare i cristiani del crocefisso, perché al di là del Papa, dei sacerdoti, di coloro insomma che vengono definiti “casta” e a cui possiamo rivolgere rimproveri o sospetti, la fede è qualcosa di profondo che ha radici nell’anima, che è filosofia di vita, che consola e suggerisce soltanto pensieri di pace, che non può dare fastidio agli atei perchè loro non credono a niente! Quando per strada mi capita di vedere prostrati dei musulmani in preghiera io non mi infastidisco, li invidio, per la loro perseveranza, coerenza, fede e mai mi sognerei di proibire loro qualcosa di così profondo che fa parte della loro esistenza, né se andassimo nei loro paesi potremmo mai pensare di dettare legge anche perché non ce lo permetterebbero, sono fieri di tutto ciò che riguarda la loro cultura loro. Se dovessi descrivere i miei sentimenti in merito al crocefisso, nonostante non sia una fervente cristiana, direi che è come se mi stessero maltrattando il padre, mi sento ferita. 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. crocefisso tolleranza rispetto religione

permalink | inviato da penelope1951 il 5/12/2009 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
spettacoli
26 aprile 2009
La TV che piace a me
Se dovessi premiare una trasmissione televisiva non avrei dubbi, darei il mio voto a “Ti lascio una canzone”.
Troppo bella sotto tutti gli aspetti: brava la Clerici nella sua conduzione, curate le coreografie, trascinante l’entusiasmo e la solidarietà dei partecipanti, bravi gli ospiti, bella la musica e soprattutto … veramente eccezionali i talenti proposti, da far rimanere a bocca aperta soprattutto per l'età di chi si esibisce con tanta bravura. E’ una trasmissione che ogni sabato sera mi fa scegliere di restare a casa senza mai rimpianti per la decisione presa.
Non ci sono parolacce, non si parla di politica, niente polemiche e frecciatine o insulti per nessuno.  Questo è spettacolo piacevole e rilassante!
 

Insomma, io stasera … mi sono proprio SCIALATA! ... qualora non si fosse capito!

finanza
16 aprile 2009
mah!
Ricordo una zia, quella senza figli con cui ho vissato la mia infanzia, che suscitava la mia ilarità perchè...parlava da sola! Qualche volta mi svegliavo la mattina pensando ci fosse qualcuno con lei viste le discussioni animate che sentivo dal mio letto, ma poi scoprivo che praticamente "se la cantava e se la suonava". Lei diceva che proprio non se ne rendeva conto, a volte bisbigliava e alla mia domanda del perchè lo facesse "ma non te ne accorgi?" le dicevo, mi rispondeva di no e dava la colpa alla prolungata solitudine in cui era vissuta per tanti anni. Perchè mi è venuto in mente? perchè sempre più spesso quando sono da sola (e succede spesso nell'arco della giornata visto l'orario continuato al lavoro di tutta la famiglia) mi ritrovo anch'io a pensare a voce alta. Se per esempio sto cucinando comincio ad elencare le cose da prendere, rammento a me stessa le cose da fare ... però io me ne accorgo ... dopo! 
Allora mi metto a cantare.                           



permalink | inviato da penelope1951 il 16/4/2009 alle 15:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
SOCIETA'
11 marzo 2009
Parole ... sante!
Ho ricevuto una e-mail con questo allegato. Era dedicato a noi donne però a me è tanto piaciuto che, invece di divulgarlo con la posta elettronica, ho pensato di farne un post.  Ritengo siano consigli validi non soltanto per noi donne ma per il genere umano....

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe, i capelli diventano bianchi, i giorni si trasformano in anni…. Pero` cio` che e` importante non cambia; la tua forza e la tua convinzione non hanno eta`.

Il tuo spirito e` la colla di qualsiasi tela di ragno. Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza. Dietro ogni successo c`e` un`altra delusione.

Fino a quando sei viva, sentiti viva. Se ti manca cio` che facevi, torna a farlo.

Non vivere di foto ingiallite…insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni. Non lasciare che si arruginisca il ferro che c`e` in te.

Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.

Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.

Quando non potrai camminare veloce, cammina.

Quando non potrai camminare, usa il bastone.

Pero` non trattenerti mai!!!

                          Madre Teresa di Calcutta

 

SOCIETA'
24 gennaio 2009
Mamma mia!
Sono rimasta molto colpita da questa notizia . Leggere quotidiani o sentire il telegiornale è diventato qualcosa che mette ansia e preoccupazione, ma certe cose mi fanno pensare che a volte la vita proprio si accanisce su certe persone. Sono convinta che infarti e tumori siano anche frutto di sofferenze accumulate e mi fa paura persino il pensiero di sentirmi fortunata. 



permalink | inviato da penelope1951 il 24/1/2009 alle 14:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
vita familiare
11 dicembre 2008
sensazioni
Oggi il tempo è così brutto che ringrazio Dio di non essere costretta ad uscire per andare al lavoro. C'è un vento rabbioso che sibila con raffiche che fanno tremare persino i vetri e io,  con il pigiama felpato e la vestaglia imbottita mi sento protetta e al sicuro fra le mura di casa mia. Mi succede anche in macchina di provare questa sensazione di benessere, quando a volte mi riparo dagli acquazzoni che mi sorprendono mentre sono fuori. Quell'abitacolo piccolo e confortevole che mi salva lo sento come fosse la mia casetta.   

                                                                   

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tempaccio!

permalink | inviato da penelope1951 il 11/12/2008 alle 11:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
SOCIETA'
1 ottobre 2008
C'era una volta....
........     il matrimonio.
Poi si è optato per la convivenza. Ora si usa il termine "compagno" ma ognuno sta a casa sua.....  Che freddo!!!

                                                        



permalink | inviato da penelope1951 il 1/10/2008 alle 13:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
POLITICA
3 agosto 2008
Io dico che ..... "a schifìo finisce!!!"

Mi riferisco ai Mondiali che si svolgeranno a Pechino. Secondo me le Olimpiadi non sono la sede adatta per risolvere certe questioni, è una manifestazione solo sportiva, che deve svolgersi in atmosfera di pace, senza politica in mezzo.  I diritti umani, i problemi del popolo cinese, il Tibet ... tutto il mondo  è a conoscenza della gravità dei fatti avvenuti e deve certamente unirsi al più presto per discuterne, ma boicottare le Olimpiadi mi sembra un gesto eclatante che a parer mio non porterà a niente di buono.


                                                       




permalink | inviato da penelope1951 il 3/8/2008 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
SOCIETA'
20 luglio 2008
Stai a vedere che sono un genio?

Mi chiedo come certe soluzioni ovvie non arrivino subito alla mente di chi i problemi dovrebbe risolverli in quattro e quattr'otto. Invece si sollevano polveroni, i telegiornali riportano notizie di liti, i giornalisti si affannano a scrivere lunghi articoli...... Ci voleva tanto, dico io, a pensare di prendere le impronte digitali anche di tutti gl'italiani? era logico, non si sarebbe offeso nessuno e si sarebbe reso un servizio utilissimo anche a chi con la legge non ha niente da spartire ma potrebbe avere bisogno di essere riconosciuto dall'unica cosa che ci distingue l'uno dall'altro:le impronte digitali. Lo stesso pensiero lo avevo avuto per il codice fiscale ... ed è stato adottato. Ma c'è bisogno di una una laurea per queste cose? Un'altra cosa che ho in mente da vari anni riguarda invece il bonus malus nel campo assicurativo, infatti mi chiedo perchè le prime classi non devono usufruire di prezzi uguali in ogni regione visto che chi è alla guida dimostra di essere onesto e prudente, sia che abiti a Milano, a Napoli o in Sicilia!
Mah! 

                   




permalink | inviato da penelope1951 il 20/7/2008 alle 15:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
SOCIETA'
5 luglio 2008
Come ai vecchi tempi

Che bello sentire parlare di grembiule per andare a scuola!
E' da quando lo hanno eliminato che mi chiedo perchè non venissero adottate almeno delle pratiche tute. Tutte uguali, 2 invernali e 2 estive, allegre e colorate ma che finalmente mettessero un pò di ordine. Come si è potuto sopportare invece tanto a lungo che l'idea della "personalità dei ragazzi repressa" potesse valere più di ciò che era logico ed inevitabile prevedere:il problema di cosa mettersi ogni mattina, di non sfigurare con gli altri compagni, di consumare vestiti lì dove è facile sporcarsi con penne e gessi.
Ma soprattutto se c'è un luogo che deve mantenere l'uguaglianza, tanto giustamente sbandierata per il diritto allo studio, è proprio la scuola dove non si va per sfoggiare marche che non tutti possono permettersi ma per esprimere la seria volontà d' imparare sforzandosi di migliorare non il proprio look ma la cultura. 
Dipendesse da me farei divise anche nei posti di lavoro, negli ospedali non si usano i camici? Si eviterebbero invidie, pettegolezzi, difficoltà nei datori di lavoro per abbigliamenti poco decorosi...
Insomma, secondo me ognuno ha la sua vita privata per poter fare tutto ciò che vuole.         




permalink | inviato da penelope1951 il 5/7/2008 alle 0:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
politica interna
25 maggio 2008
Ma perchè...?

Mi sono sempre chiesta il motivo per cui con l'avvento dell'euro hanno deciso di raddoppiare il valore delle monete. Ossia: perchè  10 euro  hanno il valore delle vecchie 20.000 lire e così via. Ma soprattutto perchè i 50 centesimi li hanno coniati simili alle 500 lire e non le hanno fatte di carta? Dare come mancia 50 cent. è diventato vergognoso perchè si lascia in mano alla persona una monetina che suona offensiva ma in realtà rappresentano le vecchie mille lire con cui oggi non ci si compra neanche un pacchetto di caramelle. Mah!

                                                                                   VECCHIE MILLELIRE CON DEDICA




permalink | inviato da penelope1951 il 25/5/2008 alle 10:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
SOCIETA'
1 maggio 2008
Cose da pazzi!

Certo che la coerenza non è proprio italiana!
Se per esempio nella MIA bolletta telefonica spulcio i numeri per sapere a chi sono state fatte le telefonate da casa MIA ... gli ultimi numeri sono coperti da tanti ++++ per la privacy. La privacy per una bolletta che pago io? non sono dunque padrona di sapere chi devo eventualmente rimproverare per gli eccessi di parlantina telefonica? E vabbè, sorvoliamo!
Ma che poi sia stata autorizzata dall'ufficio delle imposte la pubblicazione della denuncia dei redditi di tutta Italia trovo che sia stata la più grossa c....ta di tutti i tempi! A parte il fatto che ne hanno parlato tutti i telegiornali e quotidiani, pubblicando anche le denunce dei personaggi più famosi portando a conoscenza anche chi non lo sapeva, riporto le parole di Beppe Grillo che ha detto una cosa davvero sacrosanta questa volta:"hanno fornito ai criminali le informazioni sul reddito e l'indirizzo di casa dei contribuenti. Pagare le tasse così è troppo pericoloso, meglio una condanna per evasione che una coltellata o un rapimento". E così, invece di sputtanare chi le tasse non le paga ... si premiano così le persone corrette.
Ma la bolletta del mio telefono NO! quella è coperta dalla privacy anche per me.  

  




permalink | inviato da penelope1951 il 1/5/2008 alle 16:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
vita familiare
26 aprile 2008
Nuestra ultima tarde
E' il titolo della bella canzone cantata da Gabriella Ferri in sottofondo. L'ho scoperta da poco e me ne sono innamorata, comincia piano, si apre con delicatezza e poi esplode insieme ai miei ricordi. Il suo ritmo infatti mi riporta ai tempi in cui nelle feste organizzate in casa le coppiette si dondolavano felici di poter stare abbracciati sempre più stretti. Mi viene da ridere se ripenso a quando qualcuno si azzardava a dimezzare l'illuminazione quasi accecante, infatti dopo pochi minuti uno dei genitori  con aria indifferente ma con il sorrisino di chi la sapeva lunga rimetteva subito le cose a posto.  Mio marito, al contrario di me, non ha mai amato il ballo ma certo a quel tempo non si lasciava sfuggire l'occasione e così, nonostante questo suo handicap  (come l'ho sempre chiamato io),  si ... sacrificava molto volentieri! Adesso invece ride, quando mi vede scatenata secondo i ritmi o girare per la stanza dolcemente abbracciata guancia a guancia con il mio nipotino. Romanticherie da ragazzini, ma ... mannaggia al tempo che passa !



                                                                                                                       



permalink | inviato da penelope1951 il 26/4/2008 alle 7:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
11 aprile 2008
Mietta chiama ... e io rispondo
 

No, cara Mietta, non ti mando a quel paese come temevi, per avermi nominata nel gioco dei 7 segreti. Sai perché? perché almeno mi hai dato uno spunto per scrivere un articolo.

E’ da parecchio tempo ormai che la mia voglia di comunicare si è “raffreddata” e ogni giorno che passa ho sempre meno voglia di farlo. Il motivo me lo sono chiesto anch’io e ne ho trovati parecchi, primo fra tutti il non sentirmi attorniata da tutti quegli amici a cui ero abituata e che a poco a poco sono scomparsi per via di avvenimenti che li hanno portati a cambiamenti importanti, chi ha trovato un lavoro come l’adorabile Cielo, chi ha avuto figli, chi ha cambiato sito in silenzio come te (e quà ti devo rimproverare, agli amici, in quanto tali, si comunica); chi come Luciano ha avuto lunghissima pausa di riflessione e anche se è tornato con mio somma gioia forse per me è arrivato troppo tardi, o come Rita che si è data anima e corpo al decoupage, mentre Tiziana è impegnatissima anche Danae scrive poco da un po’ …e tanti altri.

I miei 7 segreti?

1)Innanzi tutto scambio giornalmente delle simpatiche email con ziaLaura, Disastro, Billo con le quali non c’è bisogno del blog per ridere o scambiare foto e pensieri,

2)sono anch’io una nonna a tempo pieno e il mio nipotino ogni giorno che passa diventa sempre più simpatico e divertente perciò trascorriamo un sacco di tempo insieme.

3)quando invece mi voglio rilassare o riposare amo fare partite a burraco on line anche se resto sempre “farfalla” visto che vinco una partita e ne perdo sistematicamente due!

4)In questo periodo dappertutto si parla di politica e spesso sono rimasta disgustata da certe affermazioni presuntuose di chi crede di avere la “Verità” in tasca e offende il prossimo

5)ma io mi astengo dal dire la mia perché non credo più nel dialogo come quando sono approdata al Cannocchiale

6)Tra poco più di un mese compirò 57 anni … e la cosa mi disturba parecchio perchè improvvisamente mi sembrano troppi e con troppe aspettative ancora in corso

7)In previsione di quanto al punto 6 il mio cervello vola a tutto ciò che vorrei fare per soddisfare tutti quei desideri a cui fino ad oggi ho rinunciato …. ma mi accorgo di essere incapace di sognare.

Ecco, l'ultimo è il mio segreto più grande!

Nella speranza di non disturbarle nomino ziaLaura, Disastro, Billo (spero trovi il tempo), Mylittlewor. 
 E invito chiunque ne avesse piacere ad associarsi




permalink | inviato da penelope1951 il 11/4/2008 alle 20:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
SOCIETA'
17 marzo 2008
19 Marzo
So già, ancor prima di scrivere questo post, che le mie riflessioni saranno inutili visto che non contribuiranno a cambiare nulla, però così come "la festa della donna" ogni anno che passa viene sempre più diffusamente criticata, spero che parlandone ben presto verrà messa in discussione anche "la festa del papà" insieme a quella della "mamma". Certo gl'interessi economici fanno il loro gioco visto che verrannocomprati regali, fiori e sarà un giorno dedicato a baci, sorrisi e gentilezze. Tutto molto bello perchè dove c'è amore c'è vita, serenità, gioia.
Ma dunque di cosa mi lamento? ........  perchè critico queste feste particolari e chi le ha inventate? Il motivo è semplice: perchè crea malinconie in chi non le può festeggiare. Se il giorno di San Valentino un adulto non ha accanto la sua dolce metà (e non sono poche le persone rese tristi nel percepire un gran senso di vuoto) può sempre farsene una ragione e sperare in un futuro migliore, ma la mamma e il papà fanno parte anche del mondo dei bambini, anche di quelli che purtroppo sono più sfortunati di altri e inevitabilmente verranno esonerati dallo svolgere  temi sull'argomento o recitare poesie che accompagneranno regalini artigianali fatti con giusto entusiasmo da chi è senza problemi. Perchè sconvolgere la sensibilità di bambini incolpevoli? perchè la società deve indurre esseri indifesi a porsi troppo presto domande sulla loro diversità?



permalink | inviato da penelope1951 il 17/3/2008 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
SOCIETA'
7 marzo 2008
8 marzo

 Come mi ha fatto notare zia Laura il mio blog ha bisogna di aggiornamenti. Lo so anch'io, ma l'assiduità con cui amavo scrivere i post esprimendo tutti i miei pensieri, raccontando avvenimenti ed impressioni a ruota libera ... improvvisamente è sfumato. Non ho più niente da dire? E' cambiata qualcosa in me? Mi sono stancata? Ho forse perso la capacità di soffermarmi a riflettere sulle cose? 
Non lo so. Spero soltanto che non sia una forma di chiusura verso gli altri.

Domani è la festa della donna e ripenso al triste allegato inviatomi per l'occasione dalla mia amica "disastro". Che dire? è inconcepibile che esistano nel mondo donne schiave, maltrattate, torturate da usi millennari e da uomini prepotenti, è talmente assurdo che esistano certe realtà che, anche se a volte penso che da noi molte donne ormai si proprongono sempre più spesso con atteggiamenti fin troppa libertini, le preferisco così: mezze nude, aggressive e petulanti  ma libere. In maniera piuttosto stringata per il mio stile che stento a riconoscere  ho scritto ciò che penso... ma so di aver detto cose talmente ovvie e scontate da non meritare neanche di essere lette, così come ritengo addirittura frustrante festeggiare le donne visto che non esiste la festa dell'uomo. 

Eppure domani sarò felice di accettare il pensiero gentile di marito, genero e figlio quando mi porgeranno la mimosa. Certo!!!.. io però per loro sono donna tutti i giorni.


                       
                                                       


                                                                           



                                                                                     
                                                                                                                         

                                               
                                                                                                                       
                                                         




permalink | inviato da penelope1951 il 7/3/2008 alle 21:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
SOCIETA'
1 febbraio 2008
Tapiro

Provocazioni, quasi persecuzioni. Ieri sera ho visto striscia la notizia durante il quale c'è stata la consegna di un tapiro ad Al Bano. Francamente quando ho visto lo schiaffone assestato alla ragazza che poco prima gli aveva messo sotto il naso un microfono a forma di ..... ho provato un gran piacere. Mi è sembrato di tornare ai tempi in cui con metodi decisi e fermi un genitore diceva "no!" a comportamenti sbagliati. Magari tutti reagissimo come lui al dilagare di simili fatti! Mi auguro che le lacrime di quella ragazza, alla fine, fossero anche di mortificazione e vergogna...ma non ci spero molto!



                                                             




permalink | inviato da penelope1951 il 1/2/2008 alle 14:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
SOCIETA'
16 gennaio 2008
Nostradamus

Più i giorni passano e più i versi di Nostradamus mi tornano in mente.




permalink | inviato da penelope1951 il 16/1/2008 alle 13:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
SOCIETA'
7 gennaio 2008
Padre Pio
Ieri ho sentito in televisione che la salma di Padre Pio sarà riesumata. Sono rimasta male.L'ho percepita come una forma di invadenza, un disturbo alla sua pace eterna, una violenza. Ma come possono permettere che il corpo di un uomo venga dissepolto dopo 40 anni solo per esporlo allo sguardo curioso dei fedeli? Fosse stato fatto subito dopo la morte lo avrei accettato, ma così mi sembra una mancanza di rispetto nei suoi confronti, una cosa macabra. Forse mi sbaglio visto che la gente applaudiva a questa notizia, ma io l'ho percepita così!




permalink | inviato da penelope1951 il 7/1/2008 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
SOCIETA'
26 novembre 2007
Sobjective. La realtà dai suoi punti di vista

"La realtà è oggettiva? E allora perché ogni caso è a sé? Dipende dai punti di vista." Sobjective è il primo giornale d'informazione soggettiva che ha l'ambizioso obiettivo di non mostrare una realtà ma insegnare a guardare un avvenimento sempre da diversi punti di vista. Per formare menti pensanti. Per crescere insieme in un dialogo aperto. Per scorgere nuove opportunità dove nessuno ne vede. Per conoscere e saper apprezzare o, semplicemente, rispettare il punto di vista altro.

 

 

 

 

Con il mio post oggi invito tutti i miei amici (e non) a dare un'occhiata sia al sito indicato più giù, che al neonato giornale (dove c'è anche la foto del mio nipotino) ideato e scritto interamente da mia figlia che con il suo solito entusiasmo non vede l'ora di interagire con coloro i quali vorranno partecipare ai suoi dibattiti, a rispondere ai quesiti ed essere coinvolti dalle originali iniziative che il giornale propone.

 
www.sobjective.it
  clicca su Scarica Sobjective per leggere o scaricare il nuovo free-magazine. Chi volesse ricevere il link dei prossimi numeri di Sobjective direttamente via e-mail può scrivere a redazione@sobjective.it con oggetto: Sobjective.


                                                    Vi aspettiamo!!!

SOCIETA'
13 novembre 2007
Ma che vergogna!!!

Ieri sera ho visto una trasmissione in televisione in cui venivano intervistati degli extracomunitari. Gente per bene, con il permesso di soggiorno, rifugiati politici a cui l'Italia ha allargato le braccia per accoglierli, ma per abbandonarli poi completamente a se stessi. Vivono in baracche alle porte di Milano, senza luce e acqua, tra di loro anche laureati e uomini che al loro paese avevano una buona professione, costretti per la guerra ad abbandonare tutto comprese le famiglie. Solitamente si parla bene di chi accoglie in situazioni così drammatiche, invece tutti, con dolore e rabbia ma soprattutto molto angustiati, ne dicevano di tutti i colori. Qualcuno ha anche raccontato del tentativo di sistemarsi in altri paesi ma di essere stato rispedito in Italia perchè, per il semplice fatto di essere passato da quà, a quanto pare è costretto a restarci. Chiedono che vengano cancellate le loro impronte digitali e venga loro permesso di andarsene, perchè l'accoglienza degli altri paesi è MOLTO diversa! Uno ha detto con un sorriso triste: "Non avete idea cosa sono gli altri paesi ... quà è peggio dell'Africa!"

P.S. Si potrebbe ribattere che anche molti italiani patiscono la fame ... e allora io dico:almeno non facciamo i falsi generosi!




permalink | inviato da penelope1951 il 13/11/2007 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
SOCIETA'
6 novembre 2007
MAH!
Forse mi sfugge qualcosa, ma questa notizia mi ha sorpresa:


CASSAZIONE: CONFERMATO PRIMO RISARCIMENTO DANNI DA FUMO
ROMA - La Cassazione ha confermato il primo risarcimento danni da fumo - nella causa pilota promossa dai familiari di Mario Stalteri, un insegnante di agraria morto di cancro al polmone nel 1991 dopo aver fumato (dal 1950) un pacchetto di sigarette al giorno per tutta la vita - nei confronti di un produttore di tabacco, la 'British american tobacco', subentrata all'Ente tabacchi italiano successore dei Monopoli di Stato.

In questo modo esce confermato il verdetto emesso, il 9 marzo 2005, dalla Corte di Appello di Roma (collegio presieduto da Claudio Fancelli) che aveva liquidato agli eredi del docente (la moglie Paola Giacalone e il figlio Marcello) 200 mila euro. Anzi, la Suprema Corte ritiene che la cifra potrebbe essere aumentata - su questo deciderà un'altra sezione della Corte di Appello - se venisse riconosciuto ai congiunti di Stalteri il "danno esistenziale" (ossia il "pregiudizio alla quotidianità della vita familiare quale si era precedentemente instaurata") oltre a quello, già liquidato, per le "sofferenze morali" per la "scomparsa nella loro vita di una presenza familiare importante".

Alla vedova e al figlio - sotto la voce onnicomprensiva del "danno non patrimoniale" - sono stati attribuiti rispettivamente 150 mila euro e 50 mila: adesso una nuova causa stabilirà se queste cifre devono essere alzate come sostenuto, in Cassazione, dagli avvocati Zeno Zencovih e Giulio Ponzanelli.

La British american tobacco aveva rinunciato, innanzi ai giudici di Piazza Cavour a quattro dei sei motivi di ricorso presentati in quanto - aveva sostenuto una nota della societa' dello scorso 4 ottobre, giorno di discussione della causa a Piazza Cavour (solo oggi e' stato reso noto l'esito del verdetto) - "l'interesse ad una pronuncia della Suprema Corte e' venuto meno perche' i principi sostanziali affermati dalla sentenza Stalteri sono stati superati, comunque, da successive sentenze che hanno escluso la responsabilita' della societa' produttrice, respingendo le richiesta risarcitorie dei fumatori".

In effetti, nel verdetto della Cassazione (sentenza 22884 della Terza sezione civile), per effetto della rinuncia a buona parte dei motivi di ricorso della Bat, non c'e' alcun riferimento alla tesi - sostenuta dalla sentenza della Corte di Appello - della responsabilita' del produttore di sigarette per la mancata informazione sui danni da fumo per patologie sviluppate prima del 1990, quando e' divenuta obbligatoria la "pubblicita' negativa" sui pacchetti di 'bionde'. Tuttavia la Suprema Corte, pur senza esaminare la tesi sulla quale poggia il diritto al risarcimento per gli eredi di Stalteri, ha accolto il ricorso con il quale i familiari del professore chiedevano un ulteriore approfondimento processuale per la stima dei danni non liquidati.
 
La mia sorpresa consiste nel fatto che la persona deceduta, adulta e consapevole, invece di limitarsi a fumare una,due o tre sigarette al giorno ... ne ha fumate un pacchetto per 30 anni. Qualcuno l'obbligava? era una sua libera scelta. A questo punto anche le famiglie di chi muore per alcoolismo, diabete, infarto, ecc... potrebbero richiedere risarcimenti. Tutto fa male quando si eccede! O sbaglio?



permalink | inviato da penelope1951 il 6/11/2007 alle 1:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
28 ottobre 2007
Ci sarà un senso....
Ieri ho telefonato ad una delle mie storiche amiche, storiche nel senso che ci conosciamo dalle scuole medie e abbia condiviso la nostra gioventù fino al diploma. Poi lei si è sposata ed è andata a vivere a Treviso ma abbiamo sempre coltivato la nostra amicizia da lontano con telefonate chilometriche perchè può succedere che trascorra anche un anno prima di risentirci. Questa volta però ne erano trascorsi due per cui in un momento di tranquillità ho composto il suo numero e ricevuto subito la sua gioia nel riconoscere la mia voce. Non c’erano bisogno di scuse per il lungo silenzio di entrambe, avevamo solo tanta voglia di raccontare l’una all’altra un sacco di cose. Non ci vediamo da più di 10 anni e la curiosità di sapere quanto siamo cambiate agli occhi dell’altra ci ha convinte ad inviare foto grazie al pc, oggetto per il quale dice di essere negata. Menomale che i figli suppliscono! e così in serata ci siamo scambiate le foto. L’ho trovata esattamente come la ricordavo, solo con qualche ruga in più intorno ai suoi begli occhi verdi, certo non più una ragazzina ma una gran bella signora. Tra i numerosi aggiornamenti mi ha raccontato anche della morte della mamma, una vecchietta che ormai non sentiva quasi più ed era costretta a letto da molto tempo con molti dubbi su chi le stesse intorno……. Per me è stato quasi inconcepibile vedere in quella vecchietta la mamma della mia amica, una signora energica dalle mani d’oro che sapeva fare di tutto e di più. Ricamava, lavorava ai ferri, cuciva, faceva dolci spettacolari, curava le sue 3 figlie e il marito, organizzava giocate a poker con gli amici, frequentava il teatro.. insomma una signora che stava dalla cucina al salotto con una vitalità che poco si confaceva all’immagine ultima fatta dalla mia amica. Certo sono passati almeno 30 anni dai miei ricordi, ma lo stesso non mi rassegno al pensiero che la vita sia una ruota inesorabile che annulla tutto delle persone che hanno lavorato, costruito, sognato, riso, pianto. E mi domando: ma che senso ha vivere?


                                                                                            



permalink | inviato da penelope1951 il 28/10/2007 alle 16:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
SOCIETA'
27 settembre 2007
Mi sembra di vederli ...

...   mentre prendono la rincorsa sapendo di farla franca! Secondo me succederà un casino! E' vero, la casa è un diritto ... ma allora perchè lo Stato la tassa? C'è gente con mutui sulle spalle che con grandi sacrifici fa i salti mortali per arrivare alla fine del mese e giustificare l'occupazione abusiva è secondo me un grave reato, istiga all'illegalità ed è un'offesa per tutti i cittadini schiacciati dal caro fitto che non si sognerebbero mai di occupare una casa altrui! 
E dire che al mio nipotino cerco di inculcare il rispetto non soltanto delle sue cose ma soprattutto di quelle altrui!  
 

                                                                                                       




permalink | inviato da penelope1951 il 27/9/2007 alle 10:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
SOCIETA'
9 settembre 2007
Solo due cose vorrei dire .... anzi tre.

La prima è che mi rifiuto di credere che i genitori di Maddie l'abbiano uccisa, abbiano occultato il cadavere e poi urlato al mondo che era stata rapita. NON CI CREDO!

La seconda è che oggi ho seguito i funerali di Pavarotti, grande tenore conosciuto in tutto il mondo, che apprezzavo e che è stato definito dal Presidente della Repubblica Napolitano "ambasciatore d'Italia" perchè l'ha rappresentata. In effetti è vero, l'ha rappresentata nel bene ...  ma anche nel male, infatti in passato aveva evaso le tasse per  40 miliardi!!!

Basta, volevo dire soltanto queste due cose che oggi mi passavano per la testa e, se devo dirla tutta, mentre seguivo la messa grandiosa officiata per Pavarotti (che dopo molti anni ha lasciato moglie e figli per una donna più giovane) ho pensato anche a Welby a cui la chiesa ha negato i funerali perchè ritenuto suicida. Menomale che accanto a sè ha avuto la moglie con cui aveva condiviso sofferenza e dolori per tutta la vita!

Forse sono ingiusta, ma se questi sono i miei pensieri non posso farci niente!




permalink | inviato da penelope1951 il 9/9/2007 alle 3:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
SOCIETA'
15 agosto 2007
Giorgio
Giorno 13 abbiamo festeggiato il compleanno del mio nipotino. Eravamo soltanto noi della famiglia e lui era felice. Attorniato da sorrisi, palloncini, regali e tanti baci ha cantato e ballato ai suoi due anni urlando "CIN CIN" al momento del brindisi! 

Quando si addormenta lui ama stringersi al collo della mamma serrandola ancora di più se solo la sente scostarsi, se all'improvviso non la vede la cerca preoccupato mentre al mattino svegliandosi l'accarezza e bacia con tenerezza sorridendo e reclamando "tatte"! Adora "zia Brumma e zio Tatto" e tutto il mondo affettivo che lo circonda.

Tutto questo stamattina mi veniva in mente  mentre leggevo l'articolo sul giornale di "Giorgio" il bimbo di due anni abbandonato al supermercato sicuramente da una mamma disperata.
Non si può essere che disperati per lasciare da solo un figlio di due anni, età in cui i visi cari e familiari sono tutto per lui.

                         



permalink | inviato da penelope1951 il 15/8/2007 alle 10:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
SOCIETA'
11 maggio 2007
Il Papa

E' un uomo drastico e dalle idee chiare. Resta nella sua posizione, non cede a compromessi inchiodato ad una religione che lo fa apparire un despota nella difesa dei suoi incrollabili principi. In una società moderna come la nostra è inaccettabile che la castità sia l'alternativa ai contraccettivi o che i separati non possano accostarsi alla comunione o, peggio ancora, che vengano negati i funerali ad un uomo che ha sofferto tutta la vita arrogandosi il diritto di giudicarlo. Tutta questa durezza allontana dalla Chiesa proprio perchè ogni uomo nella sua fragilità confida e va alla ricerca dell' amore, del perdono, della comprensione. Tuttavia c'è un principio che condivido con il Papa: non si può pretendere che accetti l'aborto. E' assurdo, perchè che ci piaccia o no ... è la soppressione di una vita umana.




permalink | inviato da il 11/5/2007 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Il Tempo Domani a Messina



Lentamente muore

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su
bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno
sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti
all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul
lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un
sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi
non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i
giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non
fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli
chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida
felicità.

(P. Neruda)


Solo per oggi

Solo per oggi cercherò di vivere alla giornata senza voler risolvere i problemi della mia vita tutti in una volta.

Solo per oggi avrò la massima cura del mio aspetto: vestirò con sobrietà, non alzerò la voce, sarò cortese nei modi, non criticherò nessuno, non cercherò di migliorare o disciplinare nessuno tranne me stesso.

Solo per oggi sarò felice nella certezza che sono stato creato per essere felice non solo nell'altro mondo, ma anche in questo.

Solo per oggi mi adatterò alle circostanze, senza pretendere che le circostanze si adattino ai miei desideri.

Solo per oggi dedicherò dieci minuti del mio tempo a sedere in silenzio ascoltando Dio, ricordando che come il cibo è necessario alla vita del corpo, così il silenzio e l'ascolto sono necessari alla vita dell'anima.

Solo per oggi, compirò una buona azione e non lo dirò a nessuno.

Solo per oggi mi farò un programma: forse non lo seguirò perfettamente, ma lo farò. E mi guarderò dai due malanni: la fretta e l'indecisione.

Solo per oggi saprò dal profondo del cuore, nonostante le apparenze, che l'esistenza si prende cura di me come nessun altro al mondo.

Solo per oggi non avrò timori. In modo particolare non avrò paura di godere di ciò che è bello e di credere nell'Amore.

Posso ben fare per 12 ore ciò che mi sgomenterebbe se pensassi di doverlo fare tutta la vita.


Papa Giovanni

       







IL CANNOCCHIALE